SCREENING ED IDENTIFICAZIONE PRECOCE DEI DISTURBI DELL'APPRENDIMENTO

Il Disturbo Specifico di Apprendimento ha origini genetiche e si manifesta per la prima volta nei bambini in età scolare.

L’età minima per una diagnosi di dislessia, disortografia e disgrafia è di 7 anni e non deve essere emessa prima della seconda elementare mentre per la discalculia l’età minima è di 8 anni e la diagnosi non può essere emessa prima della della terza elementare.

Tuttavia, già a partire dai 5 anni, ossia sui bambini che frequentano l’ultimo anno della
Scuola dell’Infanzia, è possibile eseguire uno Screening per valutare l’integrità delle funzioni neuro cognitive specifiche che costituiscono i Pre-Requisiti per il successivo processo di apprendimento della letto-scrittura.

A tale scopo, viene somministrata una Batterie di Prove standardizzate e statisticamente
validate, per testare le abilità di base del bambino:

    1. Analisi Visiva: riconoscimento della forma degli oggetti e discriminazione del loro
      orientamento nello spazio, abilità visuo-percettiva nell’individuare una figura dallo
      sfondo;
    2. Lavoro Seriale da Sinistra verso Destra: attenzione visiva selettiva, memoria a breve
      termine (MBT), velocità e sequenzialità dei movimenti oculari;
    3. Discriminazione Uditiva e Ritmo: discriminazione fonemica, MBT fonologica,
      analisi e segmentazione fonetica;
    4. Memoria Uditiva Sequenziale e Fusione Uditiva: span uditivo e fusione di sillabe
      (Blending).

I bambini che dovessero risultare positivi allo Screening devono essere considerati ad “Alto Rischio” ed è fondamentale che accedano immediatamente ad un percorso di potenziamento cognitivo che rinforzi le abilità di base.

Esiste infatti una “finestra evolutiva”, ossia un periodo sensibile all’interno del quale la plasticità cerebrale del bambino è maggiore, così come la possibilità di plasmare le sue capacità mentali influenzandone lo sviluppo.

Per questo motivo è fondamentale individuare il prima possibile la presenza di difficoltà ed attivarsi per tempo, prima che il bambino strutturi un disturbo più grave, su cui sarà poi più difficile intervenire.

Fissa un’appuntamento per una consulenza, sono sempre pronta a risponderti.
Chiamami al +39 389 960 6173, scrivimi a info@elisabettacarrozzoni.it,
oppure compila il modulo di contatto.

    I campi contrassegnati con * sono obbligatori

    Acconsento al trattamento dei dati in conformità con la Policy Privacy di elisabettacarrozzoni.it*